Mostri (da sola non ce la faccio, ma tu non basti).

Non c'è nessuno. Solo io, nella mal illuminata sala d'aspetto, a chiedermi di che parleremo mai stavolta, con che umore ne uscirò, e quanto durerà. L'umore, intendo. Le sale d'aspetto non hanno mai finestre, ho notato, o se ci sono sono oscurate. Serve la luce elettrica, quindi, anche se sono le dieci del mattino, ed... Continue Reading →

5 consigli di lettura per Halloween! (no, non c’è Stephen King).

"Ciao, sono Sabrina, ho 23 anni e non parlo di libri da mezzo minuto." Il fatto è che, ve ne sarete accorti, si sta avvicinando Halloween: e se l'autunno è tra le stagioni migliori per stare in casa a leggere, il clima che precede e segue Halloween è perfetto per barricarsi dentro una stanza la... Continue Reading →

7 libri perfetti da leggere in autunno!

Che bello l'autunno... l'unico periodo dell'anno in cui metto da parte l'impulso di vestirmi a lutto e trovo il coraggio di sperimentare con arancioni e gialli e marroni e basta perché sto divagando. Tornando a noi, quale migliore clima di quello autunnale per restare in casa, al calduccio, magari davanti alla finestra e circondati da candele manco... Continue Reading →

Perché leggere?

Di recente una persona, sapendo della mia passione per la lettura, mi ha chiesto perché secondo me "leggere è più nobile che spendere il proprio tempo facendo qualsiasi altra cosa, magari più produttiva". Ora, io avevo scelto di non cogliere la provocazione e interpretare la domanda come "perché una persona dovrebbe leggere libri?". Memore delle mille volte circa... Continue Reading →

Amore, dolore e film mentali.

Gloria e il suo ragazzo si abbracciano con la tenerezza negli occhi, e mentre il sole e il mare scintillante della Grecia giocano alle loro spalle, a me torna in mente la faccia ironica di Stefania quando mi aveva mostrato la foto del famoso "nuovo ragazzo di Gloria": un uomo calvo sui 40 anni, con... Continue Reading →

Pensieri sconclusionati (sono triste)

"Sabrina" Seduta, no, anzi, attorcigliata sulla poltrona di vimini dello studio della psicologa, sto fissano un punto a caso nell'aria mentre cerco di asciugarmi le lacrime col fazzoletto ormai schifosamente inutilizzabile. La seduta è finita, e come sempre sono sono sollevata dal fatto che posso finalmente tornare a piangere da sola nel mio bagno dove... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora